Stalking per l’ex amante che minaccia di rivelare tutto al marito di lei

Tempo di lettura stimato: 4 minuti
Print Friendly, PDF & Email

Avv. Marco Trasacco | Integra il reato di stalking la condotta di chi ripetutamente minaccia la sua ex amante di raccontare la pregressa relazione sentimentale al marito di lei. Sul punto, rilevano sicuramente che le reiterate minacce abbiano arrecato alla vittima non trascurabili ripercussioni sul suo stato psico-fisico costringendo la stessa addirittura a rivolgersi ad un neuropsichiatra con successiva diagnosi di un’anoressia nervosa (Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 3940/21; depositata il 2 febbraio).

In sintesi


Nel caso di specie, i Giudici hanno accertato che la vittima, a seguito delle condotte persecutorie, era entrata in una profonda crisi ed era rimasta prostrata, tanto che aveva “perso un sacco di chili” ed hanno riscontrato che a cagionare alla persona offesa uno stato di grave ansia erano state le ricorrenti minacce del suo ex amante di raccontare al marito di lei l’accaduto, con particolare riguardo alla loro pregressa (e clandestina) relazione sentimentale.

Nella sentenza impugnata si dà conto della testimonianza della donna, che ha spiegato – a seguito delle condotte persecutorie dell’imputato – di essere entrata in cura da un neuropsichiatra con diagnosi di anoressia nervosa e disturbo di personalità dipendente.

La sentenza per esteso


Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 12 gennaio – 2 febbraio 2021, n. 3940
Presidente Fumu – Relatore Ranaldi

Ritenuto in fatto e considerato in diritto

1. Con sentenza del 25.6.2020 la Corte di appello di Torino, decidendo in sede di rinvio, ha confermato la sentenza di primo grado in relazione all’affermazione di penale responsabilità di Ma. Ca. per il reato di atti persecutori di cui all’art. 612-bis cod. pen. (capo A) in danno di El. So..
L’imputato era già stato assolto in appello dai reati di cui ai capi B) e C), mentre era stato condannato per i reati di cui ai capi D) e E), condanna divenuta definitiva a seguito della sentenza della Corte di cassazione del 21.3.2019 che aveva respinto il ricorso dell’imputato in relazione a tali reati, rinviando al giudice di merito solo in relazione al reato di cui al capo A). In particolare, nel giudizio rescindente la Suprema Corte aveva ritenuto che la sentenza di merito, accertate le condotte dell’imputato, non avesse motivato in ordine alla verificazione di (almeno) uno degli eventi alternativamente considerati dalla fattispecie di cui all’art. 612-bis cod. pen. ai fini della sussistenza del reato.
La Corte territoriale, in sede di rinvio, ha ritenuto la sussistenza del reato in questione, ritenendo che le condotte persecutorie messe in atto dall’imputato avessero ingenerato nella So. quantomeno un evento di danno consistente in un perdurante e grave stato di ansia o di paura.
2. Avverso tale sentenza ha proposto ricorso per cassazione l’imputato, a mezzo del proprio difensore, lamentando violazione di legge e vizio di motivazione in ordine alla sussistenza del reato di cui all’art. 612-bis cod. pen. in relazione alla testimonianza del teste Co. Ro. e per essere stata fondata la decisione su documento non acquisito agli atti.
Si deduce che non è stato acquisito alcun elemento che comprovi che il dr. Al. Me. abbia formulato le valutazioni cui si è riferita la persona offesa, le cui dichiarazioni sono rimaste prive di riscontro medico. Si aggiunge che la Corte territoriale erroneamente non ha ritenuto di valorizzare la testimonianza di Co. Ro., da cui si evince che la So. non aveva alcun problema nell’incontrare il Ca..
3. Il Procuratore generale, con requisitoria scritta, ha chiesto che il ricorso sia dichiarato inammissibile.
4. Con memoria ritualmente depositata la parte civile El. So. chiede il rigetto del ricorso e la rifusione delle spese.
5. Il ricorso è inammissibile.
I motivi dedotti attengono chiaramente alla valutazione dei dati probatori, come tali essi non sono consentiti in questa sede, a fronte di una sentenza che ha motivatamente affrontato il compito – affidatole in sede rescindente – di valutare l’eventuale sussistenza di uno degli eventi integrativi del delitto di atti persecutori.
6. In proposito la Corte territoriale – sul presupposto della piena attendibilità della persona offesa, valutazione che era stata già confermata dalla Cassazione nella sentenza di annullamento – ha accertato che la persona offesa, a seguito delle condotte persecutorie, era entrata in una profonda crisi ed era rimasta prostrata, tanto che aveva “perso un sacco di chili”. I giudici di merito hanno riscontrato che a cagionare alla persona offesa uno stato di grave ansia erano state le ricorrenti minacce del Ca. di raccontare al marito di lei l’accaduto, con particolare riguardo alla loro pregressa (e clandestina) relazione sentimentale. Nella sentenza impugnata si dà conto della testimonianza della donna, che ha spiegato – a seguito delle condotte persecutorie dell’imputato – di essere entrata in cura da un neuropsichiatra (dr. Al. Me.), con diagnosi di anoressia nervosa e disturbo di personalità dipendente. Dichiarazioni che in giudizio sono state riscontrate da quelle del marito di lei (Pe. Ro.), il quale ha ricordato di avere assistito personalmente ad alcune condotte moleste del Ca. nei confronti della propria moglie, e di averla vista per tali ragioni “sconvolta, non ce la faceva più, infatti non sapeva più come fare”. La testimonianza del Co. non è stata ritenuta decisiva in senso contrario ai fatti accertati, avendo costui parlato solo di un breve incontro con la medesima, non significativo rispetto al quadro complessivo emergente dai dati probatori acquisiti nel processo.
Si tratta di una valutazione di merito esauriente, ponderata e non manifestamente illogica, come tale insindacabile in Cassazione.
7. Stante l’inammissibilità del ricorso, e non ravvisandosi assenza di colpa nella determinazione della causa di inammissibilità (Corte cost. sent. n. 186/2000), alla condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali consegue quella al pagamento della sanzione pecuniaria, nella misura indicata in dispositivo. Vanno poste a carico dell’imputato anche le spese sostenute dalla parte civile in questo giudizio di legittimità, liquidate come da dispositivo.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro duemila in favore della cassa delle ammende nonché alla rifusione delle spese sostenute dalla parte civile So. El., che liquida in Euro tremila, oltre accessori di legge.
In caso di diffusione del presente provvedimento omettere le generalità e gli altri dati identificativi, a norma dell’art. 52 D.Lgs. 196/03 in quanto imposto dalla legge.

Hai necessità di parlare con un Avvocato? Contattaci ora..

L’Avv. Marco Trasacco è iscritto al Foro di Napoli Nord ed il suo studio ha sede in Aversa (Caserta) in prossimità del Tribunale di Napoli Nord. Opera, prevalentemente, ma non solo, presso i Tribunali di Santa Maria Capua Vetere, Napoli, Napoli Nord (Aversa), Nola nonché il Tribunale per i Minorenni di Napoli ed altro. 

E’ iscritto nelle liste degli Avvocati abilitati alle difese per il patrocinio a spese dello Stato (Gratuito Patrocinio) presso i predetti Tribunali nonché abilitato al patrocinio avanti le Corti Superiori (Cassazionista).

Scopri di più su Avv. Marco Trasacco ▶︎

Avv. Marco Trasacco on EmailAvv. Marco Trasacco on FacebookAvv. Marco Trasacco on LinkedinAvv. Marco Trasacco on RssAvv. Marco Trasacco on Twitter
Avv. Marco Trasacco
Avv. Marco Trasacco
Ho approntato, nel corso degli anni, consulenza e difesa nell’ambito di procedimenti penali inerenti a varie materie. Svolgo la mia professione con zelo e dedizione e la mia soddisfazione è riuscire a guadagnare la fiducia dei clienti. Sono iscritto nelle liste dei difensori abilitati al gratuito patrocinio. Non esitate a contattarmi per qualsiasi informazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

marco trasacco


L'Avv. Marco Trasacco è iscritto al Foro di Napoli Nord e nel corso degli anni, ha approntato consulenza e difesa nell'ambito di procedimenti penali inerenti a varie materie. E' un Avvocato Penalista abilitato al patrocinio avanti la Suprema Corte di Cassazione (Cassazionista).

Esercita innanzi a tutte le Autorità Giudiziarie del territorio nazionale e, prevalentemente, presso uffici giudiziari del Distretto della Corte d’Appello di Napoli (tra cui Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, di Nola, di Napoli Nord (Aversa), Tribunale di Napoli e Tribunale per i Minorenni di Napoli).

E' particolarmente attento alla tutela e difesa dei meno abbienti ed è inscritto nelle liste degli Avvocati abilitati alle difese per il patrocinio a spese dello Stato (Gratuito Patrocinio). 

Attraverso l’Istituto del Gratuito Patrocinio, anche chi dispone di un basso reddito potrà tutelare pienamente i propri diritti. Si tratta, dunque, di assistenza gratuita (Avvocato Gratis) e, cioè, a spese dello stato.

E' particolarmente impegnato nei cosiddetti delitti intrafamiliari e, cioè, nei c.d. reati di maltrattamenti in famigliaviolenza domesticapercosse, lesioni, atti persecutori, violenza sessuale, omicidio e  atti persecutori (stalking).

Si occupa con competenza e professionalità del diritto di famiglie e di diritto penale minorile presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli.

Consulenza e difesa nell’ambito di procedimenti penali inerenti a varie materie, tra le quali:

Ulteriori ambiti di interventoseparazione giudiziale e consensuale, divorzio, nullità \ annullamento matrimonio, revisione delle condizioni di separazione e divorzio, riconciliazione dei coniugi separati, convivenze e unioni civili : le possibili tutele dei partner non sposati, regime patrimoniale legale della famiglia, accordi matrimoniali, le questioni patrimoniali relative alla comunione e ai beni acquistati in comune, il diritto agli alimenti per l’ex coniuge, l’assegnazione della casa familiare, l’affidamento dei figli ed il loro mantenimento, ordini di protezione contro gli abusi familiari, adozioni e affidamento minori, interdizione, inabilitazione e amministrazione di sostegno, decadenza dalle responsabilità (potestà) genitoriale.