Non “sempre” è reato guidare dopo essersi fumato uno spinello

Tempo di lettura stimato: 8 minuti
Print Friendly, PDF & Email

Avv. Marco Trasacco | Per configurarsi il reato di cui all’art. 187 C.d.S., non è sufficiente solo la positività alla sostanza, come nel caso di guida in stato di ebbrezza, essendo necessario che lo stato di alterazione psico-fisica sia conclamato e derivi dall’uso di droga. (Cassazione penale sez. IV, 10/11/2020, (ud. 10/11/2020, dep. 02/02/2021), n.3900).

La Corte di Appello di Torino con sentenza emessa, il 10 dicembre 2019, confermava la condanna del Tribunale di Ivrea a carico di un soggetto ritenuto responsabile del reato di cui all’art. 187 comma 1 C.d.S., per essersi posto alla guida di un autoveicolo in stato di alterazione psicofisica per assunzione di droga.

L’imputato proponeva ricorso per cassazione e, tra l’altro, contestava che la disposizione in questione punisce l’ipotesi della guida in stato di alterazione da assunzione di stupefacenti facendo riferimento all’attualità dell’assunzione, non desumibile da analisi biologiche, ma evincibile solo da una valutazione medico-clinica.

Ricordava il ricorrente che la giurisprudenza ha escluso che lo stato di alterazione da stupefacenti potesse essere desunto dalla sola presenza di elementi sintomatici esterni, essendo necessario, al fine di provare l’attualità dell’uso, un accertamento connotato da conoscenze tecniche e specialistiche, assenti nel caso di specie. 

Le conclusioni della Corte


Nel caso di specie, la Suprema Corte ha annullato la sentenza impugnata non prima di aver esposto alcuni importanti principi in materia.

Ai fini della configurabilità del reato di cui all’art. 187 C.d.S., non è sufficiente che l’agente si sia posto alla guida del veicolo subito dopo aver assunto droghe ma è necessario che egli abbia guidato in stato di alterazione causato da tale assunzione.

La prova della condotta illecita non può desumersi dall’andatura barcollante dell’imputato, sufficiente per giustificarne la sottoposizione agli accertamenti medico-legali, ma non per l’attestazione dello stato di alterazione.

In altri termini, deve avere rilevanza l’alterazione psicofisica causata dall’assunzione di droga.

Il legislatore condiziona la punibilità all’effettivo accertamento non della mera assunzione della sostanza, ma di uno specifico stato di alterazione da quella derivante, con ciò intendendo la compromissione dei rapporti fra i processi psichici ed i fenomeni fisici che riguardano l’individuo in sè ed i suoi rapporti con l’esterno.

Alla sintomatologia dell’alterazione, deve, dunque, accompagnarsi l’accertamento della sua origine e cioè dell’assunzione di una sostanza drogante o psicotropa, non essendo la mera alterazione di per sè punibile, se non derivante dall’uso di sostanza, nè essendo tale il semplice uso non accompagnato da alterazione.

L’origine dell’alterazione psicofisica all’uso di droghe può essere desunto anche attraverso accertamenti biologici diversi come l’esame delle urine, che seppure di per sè non esaustivi, sono certamente indicativi della pregressa assunzione.

Recentemente “Ai fini della configurabilità della contravvenzione di guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti (art. 187 C.d.S.), lo stato di alterazione del conducente dell’auto non deve essere necessariamente accertato attraverso l’espletamento di una specifica analisi medica, ben potendo il giudice desumerla dagli accertamenti biologici dimostrativi dell’avvenuta precedente assunzione dello stupefacente, unitamente all’apprezzamento delle deposizioni raccolte e del contesto in cui il fatto si è verificato. (In applicazione di tale principio, la Corte ha ritenuto sufficiente, ai fini dell’accertamento dell’assunzione di cannabinoidi, il riscontro dell’analisi compiuto sulle urine in associazione ai dati sintomatici rilevati al momento del fatto sul conducente, costituiti da pupille dilatate, stato di ansia ed irrequietezza, difetto di attenzione, ripetuti conati di vomito, detenzione di involucri contenenti hashish). (Sez. 4, n. 43486 del 13/06/2017 – dep. 21/09/2017, Giannetto, Rv. 270929).

Nel caso di specie, a parere della Corte, i Giudici di merito hanno adottato una motivazione riduttiva limitandosi unicamente ad evidenziare il sintomo del rossore degli occhi, constatato dagli operanti, senza indagare criticamente la esistenza di un’alterazione psico-fisica che implica una modifica comportamentale che renda pericolosa la guida di un veicolo, diminuendo l’attenzione e la velocità di reazione dell’assuntore.

Mancava, dunque, uno specifico accertamento dello stato di alterazione da assunzione di stupefacenti.

La sentenza per esteso


Fatto

RITENUTO IN FATTO
1. La Corte di Appello di Torino con sentenza del 10 dicembre 2019 ha confermato la sentenza di primo grado del Tribunale di Ivrea con cui G.E. è stato ritenuto responsabile del reato di cui all’art. 187 comma 1 C.d.S., per essersi posto alla guida di un autoveicolo di proprietà di terzi, in stato di alterazione psicofisica per assunzione di sostanza stupefacente.

2. Avverso la sentenza propone ricorso per cassazione l’imputato, a mezzo del suo difensore, formulando due motivi di impugnazione.

3. Con il primo motivo lamenta la violazione della legge penale e processuale in relazione all’art. 356 c.p.p., e art. 114 disp. att. c.p.p., ed il vizio di motivazione. Sottolinea che la Corte territoriale non solo ha ritenuto di superare la doglianza relativa all’omesso avviso della facoltà di farsi assistere da un difensore facendo riferimento alla testimonianza dell’agente di polizia giudiziaria, secondo il quale era prassi costante degli operanti dare avviso all’interessato della facoltà di farsi assistere da un difensore, ma ha escluso la violazione del diritto di difesa, ritenendo conseguito lo scopo di cui all’art. 114 disp. att. c.p.p., in considerazione del fatto che G.E. si mise autonomamente in contatto con il proprio difensore. Assume che prima del momento in cui venne effettuato l’accertamento, dovevano già essere emersi indizi di reità a carico del conducente, con la conseguenza che l’imputato avrebbe dovuto essere dato avviso della facotà di farsi assistere dal difensore prima dell’accertamento indifferibile ed urgente. Sostiene che l’avviso, invece, non fu mai dato, tanto che il ricorrente decise su proprio esclusivo impulso di chiamare il difensore.

4. Con il secondo motivo si duole dell’erronea applicazione dell’art. 187 C.d.S., e del vizio di motivazione. Sostiene che la disposizione punisce l’ipotesi della guida in stato di alterazione da assunzione di stupefacenti facendo riferimento all’attualità dell’assunzione, non desumibile da analisi biologiche, ma evincibile solo da una valutazione medico-clinica. Ricorda che la giurisprudenza ha escluso che lo stato di alterazione da stupefacenti potesse essere desunto dalla sola presenza di elementi sintomatici esterni, essendo necessario, al fine di provare l’attualità dell’uso, un accertamento connotato da conoscenze tecniche e specialistiche, assente nel caso di specie. Conclude per l’annullamento della sentenza impugnata.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO
1. Il ricorso deve essere accolto.

2. Il primo motivo va rigettato. Al di là della valutazione della fondatezza della questione giuridica proposta, attualmente al vaglio delle Sezioni Unite penali, va rilevato che nel caso di specie, come correttamente sostenuto dalla Corte territoriale, lo scopo della norma di cui all’art. 356 c.p.p., e art. 114 disp. att. c.p.p., è stato realizzato attraverso l’autonoma iniziativa dell’interessato, H quale, pur assumendo nel corso del procedimento di non essere stato avvisato della facoltà di farsi assistere da un difensore di fiducia, ha, nondimeno, provveduto a chiamarlo tempestivamente, così assicurandosi l’esercizio del potere conferitogli dall’ordinamento, cui è rivolta la garanzia.

3. Il secondo motivo è fondato.

4. Invero, la sentenza non affronta la questione della sussistenza dello stato di alterazione da sostanze stupefacenti, accontentandosi della verifica della positività dell’esame ematico ai cannabinoidi. Nondimeno, per configurarsi il reato di cui all’art. 187 C.d.S., non è sufficiente solo la positività alla sostanza, come nel caso di guida in stato di ebbrezza, essendo necessario che lo stato di alterazione psico-fisica sia conclamato e derivi dall’uso di droga.

5. Il principio è stato enunciato da questa sezione che ha ritenuto che “Ai fini della configurabilità del reato di cui all’art. 187 C.d.S., non è sufficiente che l’agente si sia posto alla guida del veicolo subito dopo aver assunto droghe ma è necessario che egli abbia guidato in stato di alterazione causato da tale assunzione. (In motivazione la Corte ha escluso che la prova della condotta illecita potesse desumersi dall’andatura barcollante dell’imputato, sufficiente per giustificarne la sottoposizione agli accertamenti medico-legali ma non per l’attestazione dello stato di alterazione)” (Sez. 4, n. 39160 del 15/05/2013 – dep. 23/09/2013, P.G. in proc. Braccini, Rv. 25683; Sez. 4, n. 41376 del 18/07/2018 – dep. 25/09/2018, Basso Fabrizio, Rv. 274712; Ed ancora – prima della precedente riforma del codice della strada – Sez. 4, n. 41796 del 11/06/2009, P.G. in proc. Giardini, Rv. 245535).

6. La distinzione fra lo stato di alterazione psicofisica per uso di sostanza stupefacente di cui all’art. 187 C.d.S., e la guida sotto l’influenza dell’alcool, di cui all’art. 186 C.d.S., risiede tanto nell’indifferenza alla quantità di sostanza assunta, (che invece determina la diversa sanzione nell’ipotesi dell’alcool) quanto nella rilevanza dell’alterazione psicofisica causata dall’assunzione di droga.

7. La scelta legislativa di ancorare la punibilità a presupposti diversi da quelli previsti per la guida in stato di ebbrezza, per configurare la quale è sufficiente porsi alla guida dopo aver assunto alcool oltre una determinata soglia, trova la sua ratio nell’apprezzamento della ritenuta maggior pericolosità dell’azione rispetto al bene giuridico tutelato della sicurezza stradale, che implica l’assenza di ogni gradazione punitiva a fronte dell’accertata alterazione psicofisica causata dall’assunzione di stupefacenti. Tanto è vero che la sanzione prevista dall’art. 187, comma 1, corrisponde alla più grave sanzione prevista dall’art. 186, comma 2, lett. c), e così parimenti si sovrappongono le sanzioni previste per il caso in cui il conducente provochi un sinistro stradale.

8. Nondimeno, sotto diverso profilo, il legislatore, condiziona la punibilità all’effettivo accertamento non della mera assunzione della sostanza, ma di uno specifico stato di alterazione da quella derivante, con ciò intendendo la compromissione dei rapporti fra i processi psichici ed i fenomeni fisici che riguardano l’individuo in sè ed i suoi rapporti con l’esterno. Alla sintomatologia dell’alterazione, deve, dunque, accompagnarsi l’accertamento della sua origine e cioè dell’assunzione di una sostanza drogante o psicotropa, non essendo la mera alterazione di per sè punibile, se non derivante dall’uso di sostanza, nè essendo tale il semplice uso non accompagnato da alterazione. Diversamente, dunque, dall’ipotesi di guida sotto l’effetto di alcool, l’accertamento non può limitarsi nè alla sola sintomatologia, nè al solo accertamento dell’assunzione, ma deve compendiare i due profili. Laddove siffatto accertamento, senza dubbio più complesso di quello previsto per la guida in stato di ebbrezza alcolica, dia esito positivo l’assenza di soglie implica di per sè l’integrazione del reato.

9. Ecco che, allora, è la constatazione esteriore della sintomatologia che deve determinare l’avvio del procedimento di cui all’art. 187 C.d.S., commi 2, 2 bis e segg., al fine di verificare se essa è correlata all’assunzione di sostanze droganti.

10. Le modalità di accertamento previste dall’art. 187 C.d.S., nondimeno, non implicando necessariamente l’accertamento ematico (da ritenersi – ove positivo risolutivo sulla causa scatenante l’alterazione) consentono di far risalire l’origine dell’alterazione psicofisica all’uso di droghe anche attraverso accertamenti biologici diversi come l’esame delle urine, che seppure di per sè non esaustivi, sono certamente indicativi della pregressa assunzione.

Il che consente, di volta in volta, di attribuirvi rilievo a seconda dell’intensità dell’alterazione psicofisica, della concentrazione dei metaboliti e della tipologia di sostanza, di elementi di riscontro esterni che consentano di elidere l’eventuale equivocità degli altri dati. In questo senso va letta la recente pronuncia di questa sezione secondo cui “Ai fini della configurabilità della contravvenzione di guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti (art. 187 C.d.S.), lo stato di alterazione del conducente dell’auto non deve essere necessariamente accertato attraverso l’espletamento di una specifica analisi medica, ben potendo il giudice desumerla dagli accertamenti biologici dimostrativi dell’avvenuta precedente assunzione dello stupefacente, unitamente all’apprezzamento delle deposizioni raccolte e del contesto in cui il fatto si è verificato. (In applicazione di tale principio, la Corte ha ritenuto sufficiente, ai fini dell’accertamento dell’assunzione di cannabinoidi, il riscontro dell’analisi compiuto sulle urine in associazione ai dati sintomatici rilevati al momento del fatto sul conducente, costituiti da pupille dilatate, stato di ansia ed irrequietezza, difetto di attenzione, ripetuti conati di vomito, detenzione di involucri contenenti hashish). (Sez. 4, n. 43486 del 13/06/2017 – dep. 21/09/2017, Giannetto, Rv. 270929).

11. Ora, la motivazione della Corte territoriale appare carente perchè omette ogni approfondimento sullo stato di alterazione psico-fisica da assunzione di stupefacenti, di cui all’art. 187 C.d.S., comma 1, limitandosi alla constatazione, da parte degli operanti, del sintomo del rossore degli occhi, senza affrontare, nondimeno, il riscontro di quegli elementi di elisione dell’equivocità del quadro risultante dagli accertamenti svolti, nè ricordare che l’alterazione psico-fisica implica una modifica comportamentale che renda pericolosa la guida di un veicoli, diminuendo l’attenzione e la velocità di reazione dell’assuntore.

12. La sentenza, in assenza dell’indicazione degli elementi fin qui richiamati in ordine all’accertamento dello stato di alterazione da assunzione di stupefacenti, va annullata senza rinvio, perchè il fatto non costituisce reato.

PQM
P.Q.M.
Annulla senza rinvio la sentenza impugnata perchè il fatto non costituisce reato.

Così deciso in Roma, il 10 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 2 febbraio 2021

Avv. Marco Trasacco on EmailAvv. Marco Trasacco on FacebookAvv. Marco Trasacco on LinkedinAvv. Marco Trasacco on RssAvv. Marco Trasacco on Twitter
Avv. Marco Trasacco
Avv. Marco Trasacco
Ho approntato, nel corso degli anni, consulenza e difesa nell’ambito di procedimenti penali inerenti a varie materie. Svolgo la mia professione con zelo e dedizione e la mia soddisfazione è riuscire a guadagnare la fiducia dei clienti. Sono iscritto nelle liste dei difensori abilitati al gratuito patrocinio. Non esitate a contattarmi per qualsiasi informazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

marco trasacco


L'Avv. Marco Trasacco è iscritto al Foro di Napoli Nord e nel corso degli anni, ha approntato consulenza e difesa nell'ambito di procedimenti penali inerenti a varie materie. E' un Avvocato Penalista abilitato al patrocinio avanti la Suprema Corte di Cassazione (Cassazionista).

Esercita innanzi a tutte le Autorità Giudiziarie del territorio nazionale e, prevalentemente, presso uffici giudiziari del Distretto della Corte d’Appello di Napoli (tra cui Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, di Nola, di Napoli Nord (Aversa), Tribunale di Napoli e Tribunale per i Minorenni di Napoli).

E' particolarmente attento alla tutela e difesa dei meno abbienti ed è inscritto nelle liste degli Avvocati abilitati alle difese per il patrocinio a spese dello Stato (Gratuito Patrocinio). 

Attraverso l’Istituto del Gratuito Patrocinio, anche chi dispone di un basso reddito potrà tutelare pienamente i propri diritti. Si tratta, dunque, di assistenza gratuita (Avvocato Gratis) e, cioè, a spese dello stato.

E' particolarmente impegnato nei cosiddetti delitti intrafamiliari e, cioè, nei c.d. reati di maltrattamenti in famigliaviolenza domesticapercosse, lesioni, atti persecutori, violenza sessuale, omicidio e  atti persecutori (stalking).

Si occupa con competenza e professionalità del diritto di famiglie e di diritto penale minorile presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli.

Consulenza e difesa nell’ambito di procedimenti penali inerenti a varie materie, tra le quali:

Ulteriori ambiti di interventoseparazione giudiziale e consensuale, divorzio, nullità \ annullamento matrimonio, revisione delle condizioni di separazione e divorzio, riconciliazione dei coniugi separati, convivenze e unioni civili : le possibili tutele dei partner non sposati, regime patrimoniale legale della famiglia, accordi matrimoniali, le questioni patrimoniali relative alla comunione e ai beni acquistati in comune, il diritto agli alimenti per l’ex coniuge, l’assegnazione della casa familiare, l’affidamento dei figli ed il loro mantenimento, ordini di protezione contro gli abusi familiari, adozioni e affidamento minori, interdizione, inabilitazione e amministrazione di sostegno, decadenza dalle responsabilità (potestà) genitoriale.