Category Archives: Diritto Penale

Tentato omicidio, la gelosia non è futile motivo, va esclusa l’aggravante

omicidio aggravante gelosia

Avv. Marco Trasacco | La circostanza aggravante dei futili motivi sussiste ove la determinazione criminosa sia stata indotta da uno stimolo esterno di tale levità, banalità e sproporzione, rispetto alla gravità del reato, da apparire, secondo il comune modo di sentire, assolutamente insufficiente a provocare l’azione criminosa e da potersi considerare, più che una causa determinante dell’evento, un mero pretesto per lo sfogo di un impulso violento (nel caso in esame, a fondamento del litigio dell’imputato con la persona offesa vi era la gelosia per la propria compagna, di cui la persona offesa dal reato era l’amante. E non può considerarsi motivo abbietto o futile la sola manifestazione di gelosia, dato che essa non è espressione di per sé dello spirito punitivo nei confronti della vittima considerata come propria appartenenza – Cassazione penale sez. I 06 luglio 2018 n. 49129)

Omesso versamento del mantenimento al figlio da parte del genitore “non coniugato”

omesso versamento mantenimento genitore non coniugato

Avv. Marco Trasacco | La condotta del genitore non coniugato che non corrisponde l’assegno di mantenimento a favore del figlio minore nato fuori dal matrimonio è attualmente sussumibile nella fattispecie di cui all’art. 570, comma I, c.p. (in particolare quando, come nel caso di specie, non sia contestata anche la circostanza di avere fatto mancare i mezzi di sussistenza che potrebbe portare a configurare il delitto di cui all’art. 570, comma 2, n. 2 c.p.) – Tribunale Treviso, 08/05/2018, (ud. 17/04/2018, dep.08/05/2018), n. 554.

Gratuito patrocinio, non si calcola il reddito del familiare convivente se lo stesso è la persona offesa

gratuito patrocinio familiare convivente persona offesa

Avv. Marco Trasacco | Nella determinazione del reddito complessivo rilevante ai fini dell’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, non può tenersi conto del reddito prodotto dal familiare convivente quando quest’ultimo è persona offesa del reato per il quale si procede (Cassazione penale, sez. IV, 05/06/2018, n. 29104).

Il difensore può nominare anche “oralmente” un sostituto processuale

sostituto processuale nomina orale

Avv. Marco Trasacco | La disciplina della nomina, da parte del difensore, del proprio sostituto processuale deve essere interpretata nel senso di ritenere legittimo l’uso della forma orale, senza che ciò renda necessaria la presenza del difensore sostituito al momento del conferimento dell’incarico al sostituto stesso (Cassazione penale sez. I 02 ottobre 2018 n. 48862).

Non è reato telefonare ai carabinieri e denunciare la scomparsa della fidanzata

procurato allarme

Avv. Marco Trasacco | La telefonata dell’imputato ai Carabinieri con cui lamenta di non essere riuscito a rintracciare la fidanzata dal giorno precedente per poi comunicare di averla ritrovata, ma che la ragazza era riuscita nuovamente a scappare, non può integrare il reato di cui all’art. 658 cod. pen. per la tipologia stessa del fatto denunciato che è tale da non poter creare allarme sociale, non essendo stato prospettato né essendo configurabile nessun rischio di danno alla persona (Cassazione penale, sez. I, 04/10/2017, n. 43815).

Legittima la querela del direttore della banca in cui si è consumata la truffa

truffa banca querela direttore

Avv. Marco Trasacco | In tema di truffa, la responsabile della filiale di banca, la quale ha esposto di essersi personalmente occupata della transazione, deve considerarsi persona offesa e dunque titolare in proprio di un autonomo diritto di querela in quanto responsabile, in quel frangente, delle attività dell’istituto bancario e delle eventuali conseguenze pregiudizievoli per l’interesse dell’ente da lei rappresentato (Cassazione penale sez. II 15 giugno 2018 n. 39069).