Il permesso di costruire in sanatoria “condizionato” all’esecuzione di interventi non estingue il reato edilizio

abuso edilizio sanatoria
Print Friendly, PDF & Email

Avv. Marco Trasacco | È illegittimo e non determina l’estinzione del reato edilizio il rilascio di un permesso di costruire in sanatoria condizionato all’esecuzione di specifici interventi finalizzati a ricondurre il manufatto abusivo nell’alveo di conformità agli strumenti urbanistici in quanto detta subordinazione contrasta ontologicamente con la ratio della sanatoria, collegabile alla già avvenuta esecuzione delle opere e alla loro integrale rispondenza alla disciplina urbanistica (Cass. pen. Sez. III, sentenza 29 marzo 2018 – 21 maggio 2018 n. 22434 – Pres. Di Nicola – Rel. Ramacci).

La Suprema Corte, in materia di abusi edilizi e di estinzione del reato, ha avuto più volte modo di affermare che non è ammissibile il rilascio di una concessione in sanatoria parziale, dovendo l’atto abilitativo postumo contemplare tutti gli interventi eseguiti nella loro integrità (da, ultimo, con richiami ai precedenti Sez. 3, n. 22256 del 28/4/2016, Rongo, Rv. 267290).


Avv. Marco Trasacco on EmailAvv. Marco Trasacco on FacebookAvv. Marco Trasacco on LinkedinAvv. Marco Trasacco on RssAvv. Marco Trasacco on Twitter
Avv. Marco Trasacco
Avv. Marco Trasacco
Ho approntato, nel corso degli anni, consulenza e difesa nell’ambito di procedimenti penali inerenti a varie materie. Svolgo la mia professione con zelo e dedizione e la mia soddisfazione è riuscire a guadagnare la fiducia dei clienti. Sono iscritto nelle liste dei difensori abilitati al gratuito patrocinio. Non esitate a contattarmi per qualsiasi informazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.